Poesia

Comment 1 Standard

Il vero nettare della vita

è dentro di te.

Tutto ciò che ti serve

è un viaggio silenzioso

verso il tuo essere.

E quando trovi il

tuo proprio centro,

hai trovato il centro dell’esistenza.

Osho

Annunci

Lentamente muore

Comments 4 Standard

Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca, chi non rischia e cambia colore dei vestiti, chi non parla a chi non conosce (…) Muore lentamente chi distrugge l’amor proprio, chi non si lascia aiutare; chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna o della pioggia incessante.

Neruda

Qui ti amo

Comments 2 Standard

Negli oscuri pini si districa il vento.

Brilla la luna sulle acque erranti.

Trascorrono giorni uguali che s’inseguono.

La nebbia si scioglie in figure danzanti.

Un gabbiano d’argento si stacca dal tramonto.

A volte una vela. Alte, alte stelle.

O la croce nera di una nave.

Solo.

A volte albeggio, ed è umida persino la mia anima.

Suona, risuona il mare lontano.

Questo è un porto.

Qui ti amo.

Neruda

Sofia

Leave a comment Standard

Amore per la cultura.

Vita d’amore

Comment 1 Standard

Farò della mia anima uno scrigno per la tua anima,

del mio cuore una dimora per la tua bellezza,

del mio petto un sepolcro per le tue pene.

Ti amerò come le praterie amano la primavera

vivrò in te la vita di un fiore sotto i raggi del sole

Canterò il tuo nome come la valle canta l’eco delle campane ascolterò il linguaggio della tua anima

come la spiaggia ascolta la storia delle onde.

Kahlil Gibran

Umanità

Comments 18 Standard

L’altro giorno sono rimasta molto colpita da quello che una mia compagna di corso mi ha detto quando le ho detto che ero credente:” Ma davvero? Non ci credo” Questo mi ha in fondo molto ferita. Ma credo che la colpa sia sempre la mia. Delle volte penso che voglio apparire agli occhi degli altri chissà chi, facendo diciamo la forte e non facendo vedere la mia umanità. Lo ammetto delle volte ho paura della mia umanità e la nascondo persino a chi mi sta accanto. Non è facile vedere i propri limiti, essere consapevole di questi ed essere umili. Faccio davvero fatica. Faccio molta fatica ad esserlo.

Mercoledì ho un esame ed in questo momento ammetto che ho davvero tanta ansia, mi viene da far prevalere tutta la mia misera umanità. Non mi rendo conto di quanto in realtà sia solo un dono la possibilità di studiare certe cose. Se 7 anni fa mi avessero detto che avrei voluto diventare un magistrato credo che mi sarei messa a ridere davvero di gusto. Eppure adesso una parte in fondo di me ci crede. Credo che questo sia il progetto che Dio abbia per me, ma non per un sapere superbo ma perché l’ho sperimentato. Sono sicura ed ora che ho visto non posso rinnegare e fare finta di niente. Devo andare avanti, con tutta la fatica che offrirò. Mi viene da sorridere a scrivere queste cose perché alla fine non sapendo la mia storia sembrano parole al vento o comunque con poca importanza. Eppure con Gesù sono completamente rinata: come un nuova battesimo, come una nuova nascita, come aprire gli occhi e rendersi conto di tutto. Non mi interessa l’essere giudicata sulla mia fede perché una cosa l’ho capita. Alla fine tutto passa ma Dio resta!!!

c’è sempre stato nella mia vita e voglio solo essere grata per tutto l’amore che mi ha dato e che continua a darmi per questo affiderò l’esame andrà come Lui vuole. Ho fatto così tante cose da quando è entrato nella mia vita. Se Dio è con me non temerò nulla. Amo pensarlo come un papà premuroso che non mi da quello che voglio, ma quello di cui ho bisogno. Lo sa meglio di me di cosa necessito ed è sempre pronto con la sua mano immensa a prendermi.

Voglio essere una donna di fede.