I 5 laghi più grandi al mondo/The 5 largest lakes in the world

Leave a comment Standard

waters-3375083_1920.jpg

Ciao a tutti amici, ecco a voi una nuovissima classifica, scelta da voi.

Qual è il lago più grande del mondo? Dove si trova?

Scopriamolo insieme!

en:

Hello to all friends, here is a brand new list, chosen by you.

What is the largest lake in the world? Where is it?

Let’s find out together!

5 POSTO:

Lago Erie – America

lighthouse-1666715_1920.jpg

Il lago Erie, con i sui 25, 719 kmq è il quinto lago più grande d’Amerca settentrionale. Lo stesso lago, in una classifica globale si posiziona al 13° posto.

Ha una profondità di circa 19 metri, ma nonostante ciò è il meno profondo dei Grandi Laghi.

La vastità di questo lago è tale che si può osservare dalle citta di: Buffalo, Erie e Cleveland, ben 4 stati (Michigan, Ohio, Pennsylvania e New York) si dividono le sponde occidentale, meridionale e settentrionale

en: Lake Erie, with its 25, 719 square kilometers is the fifth largest lake in North Amerca. The same lake, in a global ranking is positioned in 13th place. It has a depth of about 19 meters, but nevertheless it is the shallower of the Great Lakes. The vastness of this lake is such that one can observe from the cities of Buffalo, Erie and Cleveland, 4 states (Michigan, Ohio, Pennsylvania and New York) divide the western, southern and northern shores

4 POSTO:

Lago degli schiavi – Canada

9-lago-degli-schiavi.jpg

Il lago degli schiavi è situato nel Canada nord-occidentale. Fu scoperto nel 1771 dallo studioso Samuel Hearne che voleva farne una risorsa. Ma questo progetto si rivelò irrealizzabile poichè per molti mesi dell’anno, il lago rimane ghiacciato.

Viene considerato uno dei laghi più estesi al mondo con ben 28.438 kmq, anche se non è uno dei laghi più grandi, è sicuramente il più profondo del Canada, con più 614 metri di profondità.

en: The slave lake is located in northwestern Canada. It was discovered in 1771 by the scholar Samuel Hearne who wanted to make it a resource. But this project proved to be impossible because for many months of the year, the lake remains frozen. It is considered one of the largest lakes in the world with 28,438 sq km, although it is not one of the largest lakes, it is certainly the deepest in Canada, with more than 614 meters of depth.

3 POSTO:

Lago Malawi – Africa

malawi-2042844_1920.jpg

Il lago Malawi o lago Niassa, è il terzo lago più grande dell’Africa e in una classifica globale è al nono posto. Dal 1984 è stato dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO

Ha una superficie di 29.600 kmq. A causa della sua profondità di circa 700 metri, è considerato uno dei laghi più profondi al mondo.

Il Malawi ospita tantissimi animali come: coccodrilli, aquile pescatrici e pesci di varie specie. Insomma un posto molto popolato.

en: Lake Malawi or Lake Niassa, is the third largest lake in Africa and in a global ranking is in ninth place. Since 1984 it has been declared a World Heritage Site by UNESCO It has an area of ​​29,600 sq. Km. Because of its depth of about 700 meters, it is considered one of the deepest lakes in the world. Malawi is home to many animals such as crocodiles, eagles and fish of various species. In short, a very populated place.

2 POSTO:

Grande lago degli Orsi – Canada

7-grande-lago-degli-orsi.jpg

Il Grand Lago degli Orsi è il più grande lago situato in Canada con una superficie di 31.153 kmq. In una classifica globale è al settimo posto. Durante la maggior parte dell’anno il lago rimane parzialmente gelato. Il nome deriva dalle prime nazioni che vivevano lungo le coste del lago, le quali si riferivano a sè stesse con le parole Chipewyan “popolo dell’acqua dell’orso grizzly”

Insomma una meraviglia della natura a tutti gli effetti.

en: The Grand Lake of the Bears is the largest lake in Canada with an area of ​​31,153 sq. Km. In a global ranking he is in seventh place. During most of the year the lake remains partially frozen. The name comes from the first nations that lived along the shores of the lake, which referred to themselves with the words Chipewyan “grizzly bear water people” In short, a marvel of nature in all respects.

1 POSTO:

Bajkal – Russia

lake_baikal.jpg

Il lago Bajkal è situato nella parte settentrionale della Siberia. Dal 1996 è patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO.

Il lago si estende per 31722 kmq ed è uno dei laghi più grandi al mondo, la sua profondità è di 744 m raggiungendo nella parte centrale del lago 1642 metri di profondità.

La peculiarità di questo lago è la sua posizione: Siberia settentrionale. Questo lo rende un ambiente facilmente tendente a ghiacciarsi con temperature che arrivano fino ai -30°. La caratteristica ancora più sorprendente è che nonostante sia ostile alla vita è densamente popolato da microrganismi.

en: Lake Baikal is located in the northern part of Siberia. Since 1996 it is a UNESCO World Heritage Site. The lake stretches for 31722 square kilometers and is one of the largest lakes in the world, its depth is 744 m reaching in the central part of the lake 1642 meters deep. The peculiarity of this lake is its location: Northern Siberia. This makes it an environment easily tending to freeze with temperatures reaching up to -30 °. The most striking feature is that despite being hostile to life it is densely populated by microorganisms

 

Cosa ne pensate di questa rubrica?

In quale di questi meravigliosi laghi vi tuffereste?

en: What do you think of this column? In which of these wonderful lakes would you dive?

Annunci

Cosa ti piacerebbe leggere nel prossimo post?

Comments 3 Standard

Nuovissimo sondaggio, votate in tantissimi!!!!

I 10 Luoghi più belli del mondo / The 10 most beautiful places in the world

Comments 12 Standard

sea-3203731_1920

Ciao a tutti amici,vi chiedo scusa se non ho scritto subito la rubrica. Sono stata molto impegnata. Spero di riuscire a farmi perdonare.

Tutti o quasi amano viaggiare, ma quali sono i luoghi più belli e suggestivi del mondo? Scopriamolo subito.

10 POSTO:

Wulingyuan – Cina

zhangjiajie-2661371_1920

Wulingyuan è un’area che si trova nella provincia di Hunan in Cina. Questa regione è famosa per le sue formazioni carsiche, si conta che ne siano presenti oltre 3.000, alcuni dei quali alti più di 200 metri. Il suo paesaggio, oltre ad essere uno dei più belli al mondo, ospita anche alcune specie animali e vegetali ormai in via di estinzione

en: Wulingyuan is an area located in the Hunan province of China. This region is famous for its karstic formations, it is estimated that there are over 3.000, some of which are more than 200 meters high. Its landscape, besides being one of the most beautiful in the world, also hosts some endangered animal and plant species

9 POSTO:

Salar de Uyuni – Bolivia

bolivia-1802042_1920

Il Salar de Uyuni è un enorme deserto di sale che è anche tra i più grandi deserti del mondo. Secondo le leggende Inca nel deserto vi sono gli Ojos de Salar che inghiottivano le carovane. Nonostante l’estrema siccità del deserto, con sbalzi di temperature molto basse la notte, questo paesaggio non è privo di vita: fenicotteri rosa, antichi cactus e colibrì rari. La cosa incredibile è che durante la stagione delle piogge, il deserto di trasforma in un enorme lago salato, poco profondo, percorribile sia in barca che in auto. La cosa davvero bella è che, in questo periodo, il lago salato riflette il cielo creando bizzarre illusione di infinito

en: The Salar de Uyuni is a huge salt desert that is also among the largest deserts in the world. According to Inca legends in the desert there are the Ojos de Salar that swallowed the caravans. Despite the extreme drought of the desert, with sudden changes in temperature at night, this landscape is not without life: pink flamingos, ancient cactus and rare hummingbirds. The incredible thing is that during the rainy season, the desert transforms into a huge salt lake, shallow, passable by boat or car. The really nice thing is that, in this period, the salt lake reflects the sky creating a bizarre illusion of infinity

8 POSTO:

Barriera corallina – Australia

resizer.jpg

La Grande barriera corallina è la barriera di corallo più grande e famose al mondo. Situata in Australia nella costa del Queensland è una forte attrazione turistica. La particolarità di questa meraviglia della natura consiste nell’essere visibile anche dallo spazio. Nel 1981 è stata inclusa come Patrimonio dell’Umanità ed è stata dichiarata una delle sette meraviglie del mondo. La barriera corallina contiene una grande fauna marina, accogliendo al suo interno specie animali come: squali, murene, cavallucci marini, tartarughe marine e varietà di pesci. E voi, cosa ne pensate, vorreste nuotare in questo spettacolo della natura?

en: The Great Barrier Reef is the largest and most famous coral reef in the world. Located in Australia on the Queensland coast is a major tourist attraction. The particularity of this wonder of nature consists in being visible also from space. In 1981 it was included as a World Heritage Site and was declared one of the seven wonders of the world. The coral reef contains a large marine fauna, welcoming animal species such as: sharks, morays, seahorses, sea turtles and fish varieties. And you, what do you think, would you like to swim in this spectacle of nature?

7 POSTO:

Delta dell’Okavango – Botswana

img_id75_860_419

Il delta dell’Okavango, in Africa è un delta interno allo stato del Botswana molto grande e paludoso formatosi nel luogo in cui il fiume Okavango raggiunge una depressione tettonica nella parte centrale del bacino endoreico del Kalahari. La zona vicino al delta è ricca di incredibili specie animali, da uccelli a leoni, ghepardi ed ippopotami, un’area considerato il paradiso terrestre

en: The delta of Okavango, in Africa, is a delta within the very large and marshy Botswana state formed in the place where the Okavango river reaches a tectonic depression in the central part of the Kalahari endoreic basin. The area near the delta is full of incredible animal species, from birds to lions, cheetahs and hippos, an area considered the earthly paradise

6 POSTO:

Lake Louise – Canada

alberta-2297204_1920.jpg

Lake Louise località canadese all’interno dello Stato di Alberta nel Parco Nazionale Banff. Con il suo colore blu e biancastro, è il lago di montagna canadese più famoso e turistico. Patrimonio dell’Unesco. Deve il suo nome alla principessa Luoise Caroline Alberta. Lake Louise ha un paesaggio magnifico per via dell’altitudine circa 3000 m, rendendola in inverno un’impianto sciistico Lake Luoise Mountain Resort (N.B. nel caso vogliate prenotare cliccare il link) https://www.skilouise.com. Luogo famoso anche per gli amanti dello scii mondiale infatti è stata più volte tappa della Coppa del Mondo di sci alpino. Che dire?! prenotiamo subito un volo per Ottawa.

en: Lake Louise Canadian locations within the State of Alberta in Banff National Park. With its blue and whitish color, it is the most famous and touristy Canadian mountain lake. UNESCO heritage. It owes its name to Princess Luoise Caroline Alberta. Lake Louise has a magnificent landscape due to the altitude of about 3000 m, making it a winter ski resort Lake Luoise Mountain Resort (N.B. in case you want to book click on the link) https://www.skilouise.com. A place famous also for the world skiing fans, it has been repeatedly a stage of the Alpine Ski World Cup. What can we say?! We immediately book a flight to Ottawa.

5 POSTO:

Milford sound – Nuova Zelanda

thumb2-milford-sound-4k-sunset-ocean-new-zealand.jpg

Milford Sound è un fiordo situato nell’angolo su-ovest dell’isola del Sud della Nuova Zelanda, all’interno del Fiordland National Park

Dal 2009 patrimonio mondiale dell’Unesco è una località molto famosa per i suoi magnifici fiordi. Fu considerata da Rudyard Kipling la descrisse come l'”Ottava meraviglia del mondo.” Per raggiungere questa meravigliosa località sarà necessario incamminarsi all’interno del parco per circa 2 ore lasciandosi incantare dalla natura. Allora cosa aspettiamo? Incamminiamoci!

en: Milford Sound is a fjord located in the up-west corner of the South Island of New Zealand, within Fiordland National Park Since 2009 UNESCO world heritage is a very famous locality for its magnificent fjords. It was considered by Rudyard Kipling to describe it as the “Eighth Wonder of the World.” To reach this wonderful location you will need to walk inside the park for about 2 hours, letting yourself be enchanted by nature. So what are we waiting for? We walking!

4 POSTO:

Grotte di Benagil – Portogallo

portugal-3029665_1920

Algar de Benagil è una delle più belle grotte marine al mondo.

Se volete visitare questa magnifica spiaggia “segreta” bisogna raggiungere il paese di Benagil e parcheggiando a circa 200 metri di scende fino al mare. E finalmente la vedrete: la famosissima grotta di Benagil. é possibile arrivarci a nuoto, mare permettendo, o con cayak o barca. Sicuramente è una delle esperienze più belle, suggestive e rilassati che si possa fare.

en: Algar de Benagil is one of the most beautiful sea caves in the world. If you want to visit this magnificent “secret” beach, you have to reach the village of Benagil and park about 200 meters down to the sea. And finally you will see it: the famous Benagil cave. You can get there by swimming, sea permitting, or by canoe or boat. Surely it is one of the most beautiful, evocative and relaxed experiences you can do.

3 POSTO:

Isola Palawan – Filippine

palawan-palawan-island.jpg

Palawan considerata l’isola più bella del mondo è situata nell’arcipelago di Bacuit, nelle Filippine. Venne raggiunta nel 1521 da Magellano che la denominò Pulaoan. L’entroterra di questa favolosa isola è caratterizzato da un paesaggio collinare e montuoso con monti fino ai 2000 m. s.l.m. Palawan contiene al suo interno due siti Patrimonio mondiale dell’UNESCO per il suo valore naturalistico: il parco marino del Tubbataha Reef per i suoi atolli corallini e il Parco nazionale del fiume sotterraneo Puerto-Princesa. Un’isola tutta da scoprire.

en: Palawan considered the most beautiful island in the world is located in the archipelago of Bacuit, in the Philippines. It was reached in 1521 by Magellano who named it Pulaoan. The hinterland of this fabulous island is characterized by a hilly and mountainous landscape with mountains up to 2000 m. s.l.m. Palawan contains within it two UNESCO World Heritage sites for its naturalistic value: the Tubbataha Reef marine park for its coral atolls and the Puerto-Princesa underground river national park. An island to be discovered.

2 POSTO:

Lencois Maranhenses – Brasile

DESERTO-BIANCO-COP.jpg

Il parco nazionale dei Lencois Maranhenses è un’area naturale del Brasile che si estende per 155.000 ettari. Al suo interno contiene dune e fiume, rendendola così caratteristica. Zona di passaggio per numerose specie di animali come uccelli migratori e tantissime tartarughe. La caratteristica foresta di mangrovie si trova lungo la costa ed è un luogo incontaminato. Il suo nome deriva dalle sue dune, sabbia chiara che sembrano delle lenzuola stese ad asciugare al sole, infatti in portoghese Lencois significa lenzuolo.  Un luogo affascinante e davvero suggestivo.

en: The Lencois Maranhenses National Park is a natural area of ​​Brazil that covers 155,000 hectares. Inside it contains dunes and river, making it so characteristic. Transit area for many species of animals such as migratory birds and many turtles. The characteristic mangrove forest is located along the coast and is a pristine place. Its name derives from its dunes, light sand that seem like sheets laid out to dry in the sun, in fact in Portuguese Lencois means sheet. A fascinating and really suggestive place.

1 POSTO:

Glowworm caves – Nuova Zelanda

waitomo-glowworm-cave-new-zealand-joseph-michael-12__880.jpg

Waitomo Caves o Glowworm Caves sono grotte che si trovano in Nuova Zelanda e ospitano un fenomeno davvero straordinario. Al suo interno sono popolate da insetti luminescenti, che al buio sembrano delle lucciole, creando l’effetto “cielo stellato”. Questi animaletti emettono una luce che va dal verde al blu ma la cosa ancora più particolare è che sono presenti solo in Nuova Zelanda. Queste grotte si possono esplorare a bordo di una zattera sul torrente che scorre all’interno per poi proseguire il proprio corso sottoterra. Davvero un dono di Madre Natura.

en: Waitomo Caves or Glowworm Caves are caves that are located in New Zealand and host a truly extraordinary phenomenon. Inside are populated by luminescent insects, which in the darkness look like fireflies, creating the “starry sky” effect. These little animals emit a light that goes from green to blue, but the most particular thing is that they are present only in New Zealand. These caves can be explored on board a raft on the stream that flows inside and then continue its course underground. Really a gift from Mother Nature.

E voi, quale di questi posti visitereste subito?

en: And you, which of these places would you visit immediately?

A presto.

Petra

Le 10 case più infestate dai fantasmi/ The 10 houses most haunted by ghosts

Comments 5 Standard

castle-2833088_1920

Ciao a tutti amici, mi scuso per avervi fatto aspettare. Spero che con questo nuovo e spaventoso post riesca a farmi perdonare.

Buona lettura.

P.S: NON  adatto ai deboli di cuore!!!

10 POSTO:

Casa del violino – Scogna Sottana (SP)

la-casa-del-violino-640x480.jpg

La Casa del Violino è un’abitazione abbandonata che si trova in provincia di La Spezia. L’edificio è così chiamato perchè un tempo era abitata da un giovanissimo e famoso musicista, il quale si esercitava quotidianamente con il suo violino. Un giorno, i vicini, non sentendo più suonare il musicista decisero di entrare nella sua abitazione dove lo trovarono morto. Infatti da molti anni era affetto da una malattia che lo condusse alla morte. Dalle molte testimonianze sembra che il suono del violino si possa sentire ancora dall’abitazione. Oltre alle innumerevoli ed inquietanti urla. C’è chi dice che siano proprie le urla inascoltate del musicista in punto di morte.

En: La Casa del Violino is an abandoned house located in the province of La Spezia. The building is so called because it was once inhabited by a very young and well-known musician, who practiced daily with his violin. The neighbors, no longer hearing the musician play, decided to enter his house where they found him dead. In fact for many years he was suffering from an illness that led him to death. From the many testimonies it seems that the sound of the violin can be heard from the house. In addition to the countless and disturbing screams. Some say that the unheard screams of the dying musician are proper.

9 POSTO:

Winchester House – Stati Uniti

san-jose-2110061_1920

Winchester House è una famosa residenza situata a San Jose. Residenza di Sarah Winchester, vedova dell’industriale William Winchester, venne costruita nel 1884. Attorno a questa casa ci sono varie testimonianze di persone che dicono di aver visto il fantasma di Annie, figlia dei Winchester, morta molto precocemente. Famosa attrazione americana anche per essere stata il luogo di ispirazione del film Hauting of Winchester House uscito nelle sale nel 2009.

En: Winchester House is a famous residence located in San Jose. Residence of Sarah Winchester, widow of the industrialist William Winchester, was built in 1884. Around this house there are various testimonies of people who say they saw the ghost of Annie, daughter of the Winchester, who died very early. Famous American attraction also for being the place of inspiration of the film Hauting of Winchester House released in theaters in 2009

8 POSTO:

Cimitero di Stull – Kansas

stull-cemetery-768x576

Il cimitero di Stull si trova in Kansas, tra Lawrence e Topeka. Conosciuta anche con il nome di “settima porta dell’inferno” o “cimitero dei dannati” è uno dei cimiteri più noti ed inquietanti degli Stati Uniti. Tutto iniziò nel 1974 con l’uscita di un articolo su un giornale locale, nel quale venivano riportate testimonianze di persone che dichiaravano di aver visto il diavolo. Questo fatto portò in questa piccola cittadina, molti studiosi del paranormale che studiando gli strani fenomeni descritti, trovarono testimonianze che che risalivano al 1850, anno della prima presenza del diavolo a Stull. Si dice che questo cimitero sia stato il luogo di streghe e bambini maledetti. Avreste il coraggio di farvi seppellire qua?

En: Stull’s cemetery is located in Kansas, between Lawrence and Topeka. Also known by the name of “seventh door of hell” or “cemetery of the damned” is one of the most famous and disturbing cemeteries in the United States. It all began in 1974 with the release of an article in a local newspaper that reported testimonies from people who claimed to have seen the devil. This fact led to this small town, many scholars of the paranormal who studying the strange phenomena described, found evidence that dated back to 1850, the year of the first presence of the devil in Stull. It is said that this cemetery was the place of witches and cursed children. Would you dare to have you buried here?

7 POSTO:

Borgvattnet – Svezia

 

maxresdefault.jpg

Borgvattnet famosa per la “casa stregata” costruita nel 1876. Nata come casa parrocchiale ora rimane inabitata a causa delle numerose apparizioni di fantasmi ma per i più audaci è possibile affittarla oppure provare il ristorante al suo interno. Molti preti decisero di abbandonarla per le continue apparizioni demoniache e delle forti urla. Avreste il coraggio di dormirci anche una sola notte?

en: Borgvattnet famous for the “haunted house” built in 1876. Born as a parish house, it is now uninhabited due to the numerous apparitions of ghosts but for the most daring it is possible to rent it or to try the restaurant inside. Many priests decided to abandon it for the continuous demonic appearances and loud screams. Would you dare to sleep even one night?

6 POSTO:

Isola Poveglia – Italia

poveglia-Copia.jpg

Poveglia è un’isola della laguna di Venezia. Oggi disabitata, non aperta al turismo. Rimane ad oggi ancora molto misteriosa. Nel 1700 durante l’epoca della “morte nera”, la peste, divenne un lazzaretto. La peste si sviluppò velocemente su tutta l’isola rendendola ancora più inaccessibile. Morirono più di 5.000 persone tra anziani, donne, uomini e bambini, fu una vera strage. Per molti anni l’isola rimase inabitata anche per le testimonianze di persone che sentivano da lontani le urla e i pianti dei bambini morti. Durante la prima guerra mondiale, furono riutilizzati gli spazi, un tempo usati per il lazzaretto, che furono adibiti per il “reparto psichiatrico”. Alcune testimonianze rivelano che i pazienti furono picchiati e maltrattati. Ancora oggi molti dicono di sentire le grida di aiuto delle persone morte ancora “intrappolate” in quell’isola

en: Poveglia is an island in the Venice lagoon. Today uninhabited, not open to tourism. It remains today still very mysterious. In 1700, during the period of “black death”, the plague became a hospital. The plague developed rapidly throughout the island making it even more inaccessible. More than 5,000 people died among the elderly, women, men and children, it was a real massacre. For many years the island remained uninhabited even for the testimonies of people who heard the screams and cries of dead children from afar. During the First World War, the spaces, once used for the hospital, were re-used, which were used for the “psychiatric ward”. Some testimonies reveal that the patients were beaten and mistreated. Even today many say they hear the cries of help of the dead people still “trapped” on that island

5 POSTO:

Villa de vecchi – Cortenova (LC)

14-casarossa.jpg

Conosciuta anche con il nome di Casa Rossa è in assoluto la casa più infestata d’Italia, famosa agli appassionati di mistero di tutto il mondo. L’edificio fu costruito alla fine del ‘800 dal un signore che, avendo la figlia malata, pensò che l’ambiente di montagna avrebbe potuto aiutare alla salute della giovane. Un giorno, l’uomo tornando a casa dal lavoro, trovò la moglie morta brutalmente e la figlia scomparsa. Avviò le ricerche della giovane ma senza risultato. Qualche anno dopo, per la disperazione si suicidò. Molti professionisti, facendo sopralluoghi, hanno udito uno strano rumore provenire dall’interno, come se qualcuno stesse camminando scalzo su pavimento, oltre i lamenti di una voce femminile. Chissà chi sarà, la mamma o la figlia scomparsa?

en: Also known as the Casa Rossa, it is by far the most haunted house in Italy, famous for mystery lovers from all over the world. The building was built at the end of the 19th century by a man who, having his sick daughter, thought that the mountain environment could have helped the young woman’s health. One day, the man returning home from work, found his wife dead brutally and his daughter disappeared. He started the research of the young but without result. A few years later, in despair, he committed suicide. Many professionals, making inspections, heard a strange noise coming from inside, as if someone were walking barefoot on the floor, beyond the lamentations of a female voice. Who knows who will be, the mother or the missing daughter?

4 POSTO:

Il manicomio di Beechworth Lunatic – Australia

peteman313-768x409.jpg

Beechworth Lunatic è un manicomio, situato a poche ore da Melbourne. Costruito nel 1867, ospitava circa 1200 pazienti tra uomini e donne. Fu luogo di misteriosi morti, si contano circa 3000 pazienti sucida. Fu chiuso nel 1995, molte testimonianze rivelano che In una finestra situata nell’ala est, ogni notte alle 23.00 si vede il volto sofferente di una donna. Chi è? Sarà forse una paziente maltrattata che si suicidò?

en: Beechworth Lunatic is a madhouse, located just a few hours from Melbourne. Built in 1867, it housed around 1200 patients between men and women. It was a place of mysterious deaths, about 3000 patients. It was closed in 1995, but evidence shows that in a window in the east wing, every night at 11.00 pm you can see the suffering face of a woman. Who is it? Will it be a mishandled patient who committed suicide?

3 POSTO:

Glamis Castle – Scozia

Glamis-Castle.jpg

Il castello di Glamis è un maniero situato presso Angus, Scozia. Questo castello fu la residenza natale della regina madre Elizabeth Bowes-Lyon, madre dell’attuale regina Elisabetta II d’Inghilterra. Attorno a questo famoso maniero sono raccontate molte leggende, la più nota è quella del c.d. mostro di Glamis. Questa storia, parla di un ragazzo deforme che sarebbe stato tenuto prigioniero, dalla famiglia stessa, nella rocca a causa della sua malformazione. Successivamente per sbarazzarsene la famiglia lo fece murare vivo in una stanza segreta. Ancora oggi molti dicono di aver sentito le urla del ragazzo

en: Glamis Castle is a manor located near Angus, Scotland. This castle was the birthplace of Queen Mother Elizabeth Bowes-Lyon, mother of the current Queen Elizabeth II of England. Around this famous castle are told many legends, the best known is that of c.d. Glamis monster. This story is about a deformed boy who would be held prisoner by the family in the fortress because of its malformation. Later, to get rid of his family, he had him walled up alive in a secret room. Even today many say they have heard the screams of the boy

2 POSTO:

The Ancient Ram Inn – Inghilterra

YES-sajo_travels-768x960.jpg

Hotel e ristorante nei pressi di Wooten – Under – Edge, fu costruito nel 1100, quasi certamente fu luogo di riti satanici. Infatti molti ospiti della locanda affermano di aver sentito pianti inspiegabili, aver visto una piccola bambina aggirarsi per i corridoi e di essere stati buttati giù dal letto da un’entità demoniaca. Saranno forse le numerose vittime dei riti che sono rimaste intrappolate in quelle mura?

en: Hotel and restaurant near Wooten – Under – Edge, was built in 1100, almost certainly it was a place of satanic rites. In fact, many inn guests say they have heard inexplicable crying, seeing a little girl wandering around the corridors and being thrown out of bed by a demonic entity. Will they be the many victims of the rites that have been trapped in those walls?

1 POSTO:

Isla de las Munecas – Messico

xochimilco.jpg

Conosciuta anche come l’isola delle Bambole Impiccate è uno degli spettacoli più agghiaccianti che si possano vedere. Attorno a questo luogo ruotano molti spiriti, sopratutto quelli dei bambini che furono sacrificati nelle varie epoche. Un tempo quel luogo era considerato sacro e vennero fatti molti riti di sacrificio, in particolare di varie bambine. Negli anni, numerose persone locali hanno dichiarato di aver visto aggirarsi molti bambini attorno a quel luogo. La comunità decise quindi di appendere delle bambole agli alberi per poter così ridonare parte dell’infanzia rubata a quei bambini, vittime di assurdi sacrifici

en: Also known as the Hanged Bambolo Island is one of the most chilling shows you can see. Around this place many spirits revolve, especially those of the children who were sacrificed in the various ages. Once that place was considered sacred and many sacrifice rites were made, especially of various girls. Over the years, many local witnesses have noticed many children around that place. The community then decided to hang dolls on the trees so as to be able to give back some of the childhood stolen to those children, victims of absurd sacrifices

Spero che questa rubrica vi sia piaciuta. A voi quale ha fatto più paura tra questi?

I 10 vulcani più attivi e pericolosi del mondo/ The 10 most active and dangerous volcanoes in the world

Comments 4 Standard

volcanic-eruption-67668_1920.jpg

Ciao a tutti amici, vi chiedo scusa per la mia assenza di questi giorni. Spero di riuscire a farmi perdonare con questa nuova rubrica.

I vulcani, strutture geologiche complesse che ci ricordano sempre che la nostra è super attiva. Ma quali sono quelli che preoccupano di più? Vediamoli insieme.

10 POSTO:

Mauna Loa – Hawaii

web1_20160912_mauna_loa_earthquake

Mauna-Loa-Hawaii

Il Mauna Loa, conosciuto anche come “Long Mountain”, è situato sull’isola di Hawaii. Questo vulcano, dal 1832 ha eruttato 39 volte, l’ultima registrata fu nel 1984.

Quanto è attivo? Il Mauna Loa è uno dei vulcani più attivi della terra. Ha eruttato 33 volte, a partire dal 1843, producendo così tanta lava da coprire oltre 800 km al quadrato.

Nel caso vogliate informarvi in modo dettagliato vi riporto il sito: https://volcanoes.usgs.gov/observatories/hvo/hawaii_hazards.html

En: The Mauna Loa, also known as “Long Mountain”, is located on the island of Hawaii. This volcano, since 1832 has erupted 39 times, the last recorded was in 1984.

How active is it? The Mauna Loa is one of the most active volcanoes on earth. It has erupted 33 times, starting in 1843, producing so much lava to cover over 800 km per square. In case you want to inform you in detail, I report the site: https://volcanoes.usgs.gov/observatories/hvo/hawaii_hazards.html

9 POSTO:

Pinatubo – Filippine

Pinatubo_map

pinatubo

Il Pinatubo è un vulcano attivo presso l’isola di Luzon,  nelle Filippine, a circa 80 km da Manila.

Per diversi secoli, 600 anni, fu considerato un vulcano innocuo, ma nella notte tra il 14 e 15 giugno del 1991 ci fu una grandissima eruzione, che fece evacuare 200.000 persone. L’eruzione durò dalle 6-9 ore. Ma quello che davvero preoccupò gli scienziati furono i mesi successivi; si registrarono albe e tramonti rossastri dovuti dall’enorme quantità di anidride solforosa emessa nell’atmosfera. L’ultima grande eruzione fu registrata nel 1993

Quanto è attivo? Si, purtroppo molti scienziati temono che possa “esplodere” senza dare preavviso, causando ingenti danni sia alle comunità locali che in tutto il mondo.

En: Pinatubo is an active volcano at the island of Luzon, in the Philippines, about 80 km from Manila. For several centuries, 600 years, it was considered a harmless volcano, but in the night between June 14 and 15, 1991, there was a huge eruption, which evacuated 200,000 people. The eruption lasted from 6-9 hours. But what really worried the scientists were the following months; there were reddish sunrises and sunsets due to the enormous quantity of sulfur dioxide emitted into the atmosphere. The last major eruption was recorded in 1993.

How active is it? Yes, unfortunately many scientists fear that it can “explode” without giving notice, causing extensive damage to both local communities and around the world.

8 POSTO:

Vesuvio – Italia

Immagine_vesuvio_d0

Parco-Nazionale-del-Vesuvio-Cratere-del-Vesuvio1.jpg

Il Vesuvio, è un vulcano situato in Italia a meno di 12 km dalla città di Napoli. Famoso per aver distrutto la città di Pompei nel 79 d.C. La sua ultima eruzione si è verificata nel 1944. Nonostante sia attualmente in uno stato di quiete, rimane uno dei vulcani più studiati e pericolosi al mondo a causa dell’elevata popolazione nelle zone limitrofe. In molti comuni situati nella c.d. “Zona Rossa” è stato previsto un piano di evacuazione nel caso di imminente eruzione.

Di seguito potete vedere la ricostruzione dell’eruzione del 79. Buona visione.

En: Vesuvius, is a volcano located in Italy less than 12 km from the city of Naples. Famous for having destroyed the city of Pompeii in 79 AD. Its last eruption occurred in 1944. Although it is currently in a quiet state, it remains one of the most studied and dangerous volcanoes in the world due to the high population in the surrounding areas. In many municipalities located in the c.d. “Zona Rossa” an evacuation plan has been foreseen in the case of an imminent eruption. Below you can see the reconstruction of the eruption of 79. Good vision

7 POSTO:

Popocatepetl – Messico

vulcano-Popocatepetl_.gif

img-volcanoes-popocatepeti-mexico1_big.jpg

Popocatepetl è un vulcano che si trova a circa 40 km da Città del Messico. Il suo nome, significa “montagna che emette vapore”, è dovuto alla sua costante attività. Dal 1354 ha eruttato circa 18 volte.

Quanto è attivo? Attualmente la sua attività è moderata. Ma viene sempre monitorato costantemente. Grazie alla previsione degli scienziati, nel 2000, fu sventata una catastrofe facendo evacuare circa 40.000 persone.

En: Popocatepetl is a volcano located about 40 km from Mexico City. Its name means “mountain that emits steam”, is due to its constant activity. Since 1354 it has erupted about 18 times.

How active is it? Currently his activity is moderate. But it is always monitored constantly. Thanks to the scientists’ forecast, in 2000, a catastrophe was thwarted by evacuating about 40,000 people.

6 POSTO:

Eyjafjllajokull – Islanda

eyjafjallajokull-on-iceland-map.jpg

eyjafjallajokull-46990-2560x1600.jpg

Ghiaccio dell’Islanda, ricopre il vulcano Eyjafjoll. Nel 2010 si registrò una brusca eruzione, che costrinse molti aeroporti sia internazionali che europei a chiudere per il weekend. Attualmente viene monitorato da scienziati di tutto il mondo, poichè si teme possa esserci una super eruzione. L’ultima eruzione costrinse

En: Ice from Iceland, covers the Eyjafjoll volcano. In 2010 there was a sharp eruption followed by some earthquake. It is currently being monitored by scientists all over the world, as there is a fear that there may be a super eruption.

5 POSTO:

Monte Sant’Elena – Stati Uniti

monte_sant_elena.jpg

Il monte Sant’Elena, è uno vulcano attivo che si trova nello Stato di Washington, negli Stati Uniti. Sorge nella c.d. “cintura di fuoco” ed è uno dei vulcani più pericolosi del mondo. L’ultima eruzione risale al 1980, l’evento naturale più catastrofico e mortale della storia degli Stati Uniti.

Attualmente il monte Sant’Elena rimane sotto osservazione

En: Mount St. Helena is an active volcano located in Washington State, in the United States. It rises in the c.d. “belt of fire” and is one of the most dangerous volcanoes in the world. The last eruption dates back to 1980, the most catastrophic and deadly natural event in the history of the United States. Currently Mount St. Helena remains under observation

4 POSTO:

Krakatoa – Indonesia

300px-Krakatoa_map.svg

krakatau_5b

Il Krakatoa, è un vulcano attivo dell’isola indonesiana di Rakata. Il nome, solitamente usato per individuare un gruppo si isole circostanti, che costituiscono i resti di un’isola molto più grande. Questo vulcano è conosciuto per la catastrofica eruzione avvenuta nel 1883.

Attualmente viene monitorato costantemente dagli scienziati. Si teme che possa eruttare violentemente a breve, provocando anche possibili tsunami.

En: Krakatoa is an active volcano on the Indonesian island of Rakata. The name, usually used to identify a group of surrounding islands, which make up the remains of a much larger island. This volcano is known for the catastrophic eruption that occurred in 1883. Currently it is constantly monitored by scientists. It is feared that it may erupt violently shortly, also causing possible tsunamis.

3 POSTO:

Etna – Italia

sicilia-fisica

d3.630x360

Il vulcano Etna, uno dei più famosi d’Italia è anche uno dei più pericolosi. Attualmente attivo, emette costantemente gas, ceneri e lava che costringono spesso, molte persone a trasferirsi altrove. L’eruzione più devastante è quella del XX secolo che durò addirittura 473 giorni. Nel 1669 ci fu un’eruzione così catastrofica che seppellì la città di Catania.

En: The Etna volcano, one of the most famous in Italy, is also one of the most dangerous. Currently active, it constantly emits gas, ashes and lava that often force many people to move elsewhere. The most devastating eruption is that of the twentieth century that lasted even 473 days. In 1669 there was a so catastrophic eruption that buried the city of Catania.

2 POSTO:

Caldera Long Valley – California

CalderaRelief_large

long-valley-caldera

La caldera di Long Valley, all’apparenza sembra innocua. Eppure è tra i vulcani più pericolosi del mondo. Da qualche anno si sono verificati strani fenomeni: morti improvvise di alcuni abitanti, morti di piante ed alberi. Facendo dei test, gli scienziati si sono resi conto che la concentrazione di anidride carbonica e gas è davvero alta. Rimane sotto osservazione 24 ore su 24.

En: The caldera of Long Valley, apparently seems harmless. Yet it is among the most dangerous volcanoes in the world. Strange phenomena have occurred for some years: sudden deaths of some inhabitants, deaths of plants and trees. By testing, scientists have realized that the concentration of carbon dioxide and gas is really high. It remains under observation 24 hours a day.

1 POSTO:

yellowstone-national-park-wyoming-usa.jpg

La Caldera di Yellowstone, si tratta di un supervulcano all’interno del Parco Nazionale di Yellowstone. Diversamente da altri vulcani, ha una forma a “calderas” cratere vulcanico. L’eruzione di questo vulcano, potrebbe spazzare l’intera umanità, per fortuna fino ad oggi non si sono registrate eruzioni. Ma rimane attualmente sotto osservazione per l’attività visibile ad occhio umano attraverso bolle di gas solforico e geyser.

En: The Yellowstone Caldera, it is a supervolcano within Yellowstone National Park. Unlike other volcanoes, it has a form of “calderas” volcanic crater. The eruption of this volcano, could sweep all of humanity, fortunately until today there have been no eruptions. But it remains under observation for activity visible to the human eye through bubbles of sulfuric gas and geysers.

Fatemi sapere cosa ne pensate…

Buona lettura

Petra

 

 

 

 

 

 

“Mi piacerebbe essere informato su…”

Comment 1 Standard

Ciao a tutti amici, alcuni di voi mi hanno scritto chiedendomi di scrivere dei post su determinati argomenti. Eccovi, vi ho accontentati, ho messo le vostre idee in un nuovissimo sondaggio…..non vi resta che votare in tanti!! Nel caso qualcun’altro di voi avesse idee su i miei prossimi post, non esitate a scrivermi…Buona votazione!!!!